Smartrac ottiene la ARC Quality Certification

Il gruppo olandese Smartrac Technology, specializzato nella produzione di inlay RFID HF e UHF, ha recentemente ottenuto una certificazione di qualità superiore dal prestigioso laboratorio RFID della Auburn University in Alabama, USA.

Smartrac ha ricevuto la certificazione di qualità ARC per la progettazione e la produzione degli inlay e dei tag RFID. La certificazione di qualità ARC completa la certificazione ISO e analizza tutti gli aspetti delle operazioni di un fornitore RFID, inclusi, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, specifici prodotti e processi di produzione.

L’Auburn RFID Lab è noto da tempo per i test che effettua in modo indipendente e con linee guida basate su aspetti oggettivi. La certificazione ARC fornisce ai clienti la certezza di sapere che gli inlay e le etichette RFID sono certificati per lo scopo e sono in grado di garantire prestazioni affidabili.

“La qualità è di fondamentale importanza per tutti coloro che cercano di ottenere tutti i benefici dai tag RFID collegati o incorporati nei prodotti. Abbiamo sviluppato il programma di certificazione della qualità ARC per confrontare i sistemi di gestione della qualità dei produttori di RFID in tutte le loro operazioni a vantaggio di tutti gli utenti RFID di tutto il mondo “, ha affermato Justin Patton, direttore dell’Auburn RFID Lab.

“La certificazione di qualità ARC è un traguardo fondamentale e la motivazione di Smartrac e riafferma il nostro ruolo di leader del settore in termini di transponder RFID di alta qualità e innovativi. Siamo onorati di ricevere questa certificazione e crediamo fermamente che il programma ARC Quality Certification sia un passo importante in termini di assistenza ai produttori di RFID per servire meglio i loro clienti RFID. Continueremo a investire in risorse e programmi per supportare le future iniziative ARC per promuovere ulteriori risultati di qualità “, ha affermato Amir Mobayen, Chief Revenue Officer di Smartrac.

Avatar

Redazione RFID.it

Gli articoli scritti a più mani, ovvero elaborati da tutta la redazione di RFID.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *