Self check-out con il proprio smartphone: succede da Stance

Le soluzioni del self check-out in negozio cambiano il modo di fare shopping. Grazie a queste tecnologie infatti è possibile pagare con il proprio smartphone saltando la fila alla cassa. Per fare ciò occorrono una semplice applicazione e pochi passaggi. Il pagamento diventa semplice e immediato grazie al mobile payment. I vantaggi di questa soluzione sono enormi. Soprattutto, fanno risparmiare molto tempo rendendo più felice il consumatore.

Leggi anche: La soluzione “self check-out” di Decathlon

Le applicazioni nella fattispecie abilitano la lettura del codice a barre e le funzioni di pagamento con smartphone. Sicuramente lo sviluppo del commercio elettronico ha creato un nuovo modo di fare shopping e nuove aspettative nei clienti che, in questo modo, si sentono sempre più a loro agio. Questa soluzione non si adatta solo a supermercati, ma con il tempo ha raggiunto anche negozi più o meno grandi. Anche piccole attività, quindi, possono mettere a disposizione del cliente questo servizio.

Stance presenta la sua soluzione di self check-out

Cos’è il self check-out

Le tecnologie di self check-out sono uno strumento molto efficace nell’aumento della produttività del negozio. Indicano un sistema d’acquisto che si avvale dell’uso di lettori portatili di codici a barre e pod per self-scanning che l’acquirente stesso deve utilizzare al momento della spesa per poter velocizzare la fase di pagamento in cassa. Il ciclo del self check-out si sviluppa maggiormente nelle catene di grandi distribuzioni perché necessita di ampi spazi e deve essere supportato da efficaci tecnologie. Si distingue in quattro fasi:

  • scannerizzare gli articoli;
  • effettuare il pagamento;
  • imbustare gli articoli (se necessario);
  • uscire (con la certezza di aver pagato tutti gli articoli acquistati e che non suoni il sistema di anti-taccheggio).

In pratica durante il percorso di spesa l’utente acquista i prodotti, li scannerizza e al momento del pagamento deve solo consegnare il lettore. Sono molto i benefici che ne derivano da questo processo. Oltre il risparmio di tempo il cliente conquista la calma al momento di posizionare gli articoli in busta; può sapere a quanto ammonta la spesa prima di andare in cassa. Al fine di rendere possibile l’accelerazione del processo di vendita, ci si può avvalere delle tecnologie RFID. All’interno della casella dedicata la tracciatura RFID consente il riconoscimento automatico di tutte le informazioni sui prodotti consentendo all’acquirente di compiere in tempi record l’acquisto.

Self check-out e Stance

Stance, marchio specializzato nella vendita al dettaglio di calze, permette ai clienti di poter pagare i prodotti con gli smartphone in qualsiasi punto della catena di negozi. Non ci sono quindi casse, ma app da scaricare per poter attivare il servizio.

In pratica bisogna utilizzare l’URL che compare sullo smartphone e scannerizzare i codici a barre del prodotto. Dopo aver effettuato l’acquisto è possibile pagare utilizzando Apple Pay, Google Pay oppure una semplice carta di credito.

Stance ha lanciato il servizio di self check-out durante il periodo natalizio del 2018 permettendo ai propri clienti di avere a disposizione un’utilissima tecnologia che in periodi di maggiore afflusso risulta essere quasi miracolosa. Questa tecnologia consentirebbe anche ai dipendenti dell’azienda di passare più tempo a informare i clienti sui prodotti e meno tempo a stare dietro le casse fermi a far pagare.

Conclusioni

Stance non è il primo brand a sperimentare una soluzione di self check-out. Già Decathlon ha avviato recentemente un progetto del genere a Singapore, che si sta già espandendo negli Stati Uniti. Stiamo assistendo a una rivoluzione del settore retail?

Gabriele Barbesta

Gabriele Barbesta

Da anni si occupa di tecnologie RFID, con particolare interesse per l'NFC e le sue applicazioni nel mondo sia business che consumer.