Rifornimento dello stock automatizzato grazie all’RFID

Wild Store ha lanciato una soluzione basata sulla tecnologia RFID per il tracciamento della merce e l’automatizzazione delle procedure di stocking, nei suoi due punti vendita in Olanda. Il sistema è stato fornito da RFKeeper ed è costituito da Tag RFID inseriti nelle etichette di ciascun prodotto. Tramite appositi lettori e un software Cloud, il sistema è in grado di stabilire quando e quanta merce ordinare per mantenere il magazzino sempre rifornito.

La società garantisce, in questo modo, un inventario accurato, soprattutto per gli acquirenti online. Questo sistema è stato adottato a maggio di quest’anno presso il centro di distribuzione centrale e i due punti vendita di Dinteloord e Hoeven.

Un’azienda storica

Wild Store si occupa di vendita e distribuzione di abbigliamento e ha una storia di quasi 100 anni alle spalle. La società vende articoli di vestiario per uomo, donna e bambino. Le merci vengono spedite dai fornitori nei punti centrale, da dove vengono poi indirizzate presso i due negozi in base alle necessità. Nel 2013, l’azienda ha modernizzato la sua attività, creando un sito web dal quale è possibile acquistare gli articoli presenti nei punti vendita.

Wild Store, per consentire agli acquirenti di ritirare gli acquisti online presso i propri punti vendita preferiti, ha pianificato un programma di rifornimento automatico, affinché le merci non si esauriscano. In questo modo, se un cliente acquista un articolo e vuole ritirarlo in negozio, questo sarà già disponibile per il ritiro.

Dal barcode all’RFID

Questo sistema però non si è rivelato immediatamente efficiente e ci sono voluti alcuni accorgimenti per renderlo preciso e affidabile. Spesso, le taglie e i colori degli articoli ordinati in automatico, non rispecchiavano le reali esigenze, a causa delle variazioni del conteggio del magazzino. La scansione dei codici a barre da parte degli addetti richiedeva 2 o 3 giorni e, per questo, tale operazione veniva effettuata solo una volta all’anno. Questo metodo aveva come risultato una precisione di circa l’80% nelle migliori delle ipotesi, valore insufficiente per il rifornimento automatico.

Leggi anche: Negozi senza commessi in Giappone

Arjan de Wildt, attuale proprietario della società a conduzione familiare, iniziò così a cercare un fornitore RFID che realizzasse un sistema in grado di garantire una connessione perfetta tra software, sistema POS e la gestione delle scorte.

L’integrazione del software Cloud

Chi ha reso possibile tutto ciò è RFKeeper, azienda specializzta in “smart stores”. Grazie all’integrazione del software, i sistemi di gestione delle scorte dialogano con i sistemi POS di Wild Store. Il funzionamento è abbastanza semplice: ogni articolo è provvisto di un ”Hard Tag” o etichetta rigida, che contiene tutte le informazioni di quel dato prodotto. Questa viene rimossa nel negozio al momento della vendita e spedita alla distribuzione centrale. L’Hard Tag è un dispositivo RFID e quindi non è richiesto nessun lavoro aggiuntivo da parte dei dipendenti che, usando dei lettori palmari per scansionare l’etichetta, applicano il nuovo tag ai rispettivi prodotti.

I dipendenti leggono i Tag con i palmari e inseriscono il numero di serie in codice a barre su ogni etichetta rigida. Questa fornisce un collegamento tra l’ID del Tag RFID e il rispettivo prodotto ogni volta che questi ID vengono interrogati.

A questo punto, i dati possono essere acquisiti tramite un lettore desk fisso e le merci spedite al punto vendita. I dati raccolti vengono inviati al software RFKeeper, il quale interpreta le informazioni e le inoltra al software di gestione delle merci di Wild Store. In questo modo, l’aggiornamento sull’inventario è in tempo reale, cosicché la situazioni dei prodotti disponibili sia precisa e affidabile. L’acquirente che visiona un articolo sul sito quindi, può avere la certezza che il prodotto scelto sia disponibile presso il punto vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *