Può un braccialetto Bluetooth evitare la quarantena per CoronaVirus?

Nordic Semiconductor ha annunciato che la Accent System, società di ingegneria spagnola, ha sviluppato un braccialetto Bluetooth Covid-19. Secondo quanto riportato da Semiconductor, il dispositivo è in grado di rilevare gli spostamenti di tutti i soggetti che sono stati trovati positivi al Coronavirus. Se la notizia fosse confermata si tratterebbe di un’importante invenzione, che potrebbe imprimere una svolta nella lotta alla diffusione del virus in tutti i Paesi del mondo. Potenzialmente, infatti, il braccialetto Bluetooth Covid-19 della Accent System potrebbe evitare la quarantena forzata per Coronavirus.

Un braccialetto Bluetooth per evitare la quarantena di massa

La Accent System, che ha inventato il braccialetto Bluetooth, nell’annunciare il suo nuovo prodotto ha affermato che la quarantena di massa sarebbe superata grazie all’utilizzo del braccialetto. Ad oggi, i blocchi su larga scala sono stati considerati nella maggior parte dei casi come la soluzione migliore per contrastare la diffusione del virus tra la popolazione, seguendo il modello di Wuhan, primo focolaio di quella che a gennaio era soltanto un’epidemia circoscritta alla provincia di Hebei.

Alcuni Paesi del Medio Oriente lo hanno già adottato

Stando sempre al comunicato ufficiale della società di ingegneria spagnola Accent System, alcuni Paesi del Medio Oriente avrebbero già adottato in queste settimane il braccialetto Bluetooth Covid-19. Tra i governi mondiali sta crescendo l’interesse nei confronti di alternative innovative per scongiurare l’adozione di un provvedimento così drastico come la quarantena di un’intera nazione, le cui conseguenze a livello sociale ed economico non sono ancora note.

‘Braccialetto alternativa molto più efficace’

Jordi Casamada, amministratore delegato della società Accent System, ha affermato che il braccialetto realizzato dalla sua azienda rappresenta ad oggi un’alternativa nettamente migliore rispetto agli isolamenti su larga scala adottati come misura estrema di prevenzione da numerosi Paesi europei, tra cui Italia, Spagna, Francia e Germania. A questo proposito, Casamada ha sottolineato che la quarantena non azzeri del tutto la nascita di un nuovo focolaio in qualsiasi momento.

I benefici del braccialetto Bluetooth Covid-19

Nello descrivere i benefici del braccialetto Covid-19 basato sulla tecnologia Bluetooth, Jordi Casamada ha sottolineato che l’introduzione del dispositivo consentirebbe alla maggior parte delle persone di continuare a vivere (e lavorare) normalmente. Le autorità potrebbero invece concentrarsi soltanto sul tracciamento di coloro che sono risultati positivi al tampone, oltre a tutte le persone che potrebbero essere entrate in contatto con quest’ultime.

Come funziona il braccialetto

Ciascun braccialetto Bluetooth Covid-19 dell’azienda spagnola Accent System è identificato in modo univoco. Gli eventuali spostamenti sono tracciati grazie alla tecnologia wireless Bluetooth LE (nota anche con l’acronimo di BLE, Bluetooth Low Energy), in grado inoltre di rilevare qualunque altro utente entri nell’area protetta (definita da una distanza di due metri) di chi indossa a sua volta il braccialetto.

Protezione avanzata

Qualora l’individuo sviluppi nei giorni successivi i sintomi della malattia, le informazioni sugli spostamenti eseguiti vengono trasmesse in automatico al centro medico più vicino. In questo modo, il centro potrà verificare chi è entrato in contatto involontariamente con il caso positivo, contattando ciascuna persona e imponendole una messa in quarantena della durata di 14 giorni e fino a quando non sarà negativa al Coronavirus.

Identità crittografata e dati cancellati entro un mese

Il Ceo di Accent System ci ha tenuto a precisare che l’identità associata a ciascun braccialetto Bluetooth Covid-19 sia crittografata e rispetti le norme del GDPR (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati). Jordi Casamada ha poi aggiunto che la raccolta dei dati avviene in anonimo, e che questi vengono cancellati dopo 15-30 giorni dall’inizio della raccolta. Oltre ad Accent System, anche altre società di ingegneria stanno mettendo a punto alcuni dispositivi in grado di fornire un aiuto prezioso ai governi nazionali nel fronteggiare il Coronavirus, un nemico diverso da tutti perché invisibile.

Gabriele Barbesta

Gabriele Barbesta

Da anni si occupa di tecnologie RFID, con particolare interesse per l'NFC e le sue applicazioni nel mondo sia business che consumer.

Lascia un commento