Egitto, 10 milioni di auto verranno tracciate con RFID

È recente la notizia proveniente dal Ministero degli Interni egiziano riguardante un’importante novità tecnologica. A breve, infatti, l’Egitto si appresterà a tracciare circa 10 milioni di automobili mediante l’integrazione, all’interno delle vetture, della tecnologia RFID.

L’uso della tecnologia RFID per il monitoraggio del traffico in Egitto

La soluzione in questione, approntata da Go + in stretta collaborazione con Wireless Dynamics, consentirà al Governo dell’Egitto di monitorare i flussi del traffico automobilistico lungo le strade dello Stato egiziano. Si tratta di un progresso considerevole, che testimonia ancora una volta come la tecnologia RFID sia in grado di portare innovazione in svariati ambiti della vita quotidiana degli esseri umani. In questo caso specifico, la tecnologia in questione fornirà importanti dati sulle strade percorse dai cittadini egiziani e sui volumi del traffico, così da garantire alle autorità, e in particolare alle forze dell’ordine dello Stato, di intervenire con maggiore tempestività in caso di incidenti o problematiche di altra tipologia. Un notevole passo in avanti, dunque, specialmente se si considera l’eccezionale numero di veicoli che il Governo si è preposto di monitorare, il che dimostra tutta la potenzialità, anche su grande scala, della tecnologia RFID.

Il sistema utilizzato per il tracciamento delle automobili

Entrando più nel dettaglio, dalle fonti del Governo si apprende che la tecnologia RFID verrà fornita direttamente da Kathrein Solutions, azienda tedesca impegnata nella diffusione di soluzioni legate non soltanto alla Radio-Frequency Identification, ma anche alla IoT e all’AutoID. L’azienda con sede a Stephanskirchen, dunque, metterà a disposizione la tecnologia hardware e software per realizzare un sistema di monitoraggio di alta qualità, e per farlo si affiderà alla collaborazione con Wireless Dynamics. Un sistema che, di fatto, vedrà impiegati particolari adesivi RFID UHF da collocare sui parabrezza (chiamati in gergo windshield label) delle vetture da monitorare. A tutto ciò, si aggiunge anche l’installazione di piccoli tag sui fari proiettori, così da consentire un controllo ancor più esaustivo delle automobili anche lungo strade ad alta velocità.

Ti può interessare anche: “Il piano della Cina per tracciare le auto con i chip RFID

Il motivo per cui l’Egitto ha deciso di cimentarsi in questa nuova impresa governativa va ricercato nel progresso delle infrastrutture e dell’economia egiziana. Ad oggi, infatti, il traffico all’interno delle strade e autostrade egiziane è in costante crescita, e ciò si traduce nella necessità di approntare soluzioni in grado di tenere sotto controllo i flussi in aumento. Se così non fosse, si assisterebbe a una crescita incontrollata che comporterebbe l’aumentare di multe, infrazioni e mancato rispetto delle norme del Codice della Strada dello Stato.

L’applicazione pratica della tecnologia RFID

Per fare un esempio di applicazione futura della tecnologia RFID, il nuovo sistema di monitoraggio verrà impiegato in particolar modo nella città di Il Cairo, capitale dello Stato e oggetto di particolari congestioni del traffico stradale. Attorno alla capitale, infatti, si concentrano flussi di traffico decisamente elevati, al punto tale da aver costretto il Governo a stabilire nuove normative in merito alla circolazione alternata dei veicoli all’interno del perimetro cittadino. In questo caso, la tecnologia RFID può aiutare le Forze dell’Ordine nel verificare in maniera effettiva quali sono le automobili in regola e quali, al contrario, potrebbero essere soggette a multe e contravvenzioni. Da sottolineare, inoltre, come la tecnologia RFID non sia mai stata installata all’interno dello Stato egiziano. La soluzione di Go + e Wireless Dynamics, dunque, può essere vista come una nuova sfida per l’Egitto, che si prepara a un profondo rinnovamento a partire da sistemi tecnologici particolarmente innovativi, proprio come quello descritto.

Crediti immagine: Alyssa Bernstein su Flickr (modificata), licenza CC BY-NC 2.0

Gabriele Barbesta

Gabriele Barbesta

Da anni si occupa di tecnologie RFID, con particolare interesse per l'NFC e le sue applicazioni nel mondo sia business che consumer.

Lascia un commento